• slide2
  • slide1

La persona con afasia è un individuo nuovo

impegnato, insieme alla sua famiglia, nel trovare una nuova relazione con il proprio corpo e un nuovo senso della propria individualità

Come tutti noi

ha il diritto di vedersi offrire alternative, esprimere preferenze ed essere coinvolto in comunicazioni significative e appropriate dal punto di vista linguistico e culturale

La Terapia

promuove l’autonomia attraverso gli strumenti della relazione, sollecitando e facilitando il processo di trasformazione della persona con afasia

Cerchi di Cura

collauda un metodo che, oltre agli aspetti tecnici della CURA, affronta tematiche psicosociali e insegna a tutti come comunicare efficacemente

24th gen
“Gestire” l’Afasia?

“Gestire” l’Afasia?

Dall’opuscolo informativo di una Associazione per l’afasia, leggo: “La persona affetta da afasia ha un estremo bisogno di aiuto e non è in grado di chiederlo!”. Lo hanno scritto in arancione perché fosse ben evidente – caso mai non ti fosse bastato per capire quanto sia triste la sua vita – leggere che … non […]

23rd gen
Il Pane e le Rose

Il Pane e le Rose

L’amico Stefano, al Workshop narrativo di Pisa, ha citato “Il pane e le rose”, film di Loach che riprende la vicenda dell’ industria tessile di Lawrence (1912, Massachussetts) in cui scoppia uno sciopero durissimo e tragico che dura due mesi in conseguenza della decisione dell’ azienda di ridurre i già magri salari, dopo che una […]

21st gen
L’ Ospedale come Istituzione Totale

L’ Ospedale come Istituzione Totale

Le procedure terapeutiche alle quali sottoponiamo la persona con afasia in Italia si risolvono spesso in un’opera di devastazione della sua identita’, molti procedimenti terapeutici contengono tratti di spersonalizzazione, i “pazienti” sono una casta che il sistema sociale dominante cerca di controllare prescrivendo loro ruoli che neutralizzano le spinte devianti e non sono certo io […]

21st gen
Azione sociale e Afasia

Azione sociale e Afasia

La scienza e la medicina si muovono proponendo modelli, pure essenze oggettivate a cui si pretende di essere rigorosamente estranei, modelli resi insensibili dall’intervento di una tecnica che separa il soggetto dall’oggetto, modelli che si vogliono universali e quindi trasmissibili per protocolli. Non lo dico io, ma Luce Irigary. Io invece aggiungo che muoversi nel […]