Quel che passa il Convento 2

On 18 marzo 2008

Bene, anzi no, male.

Capita che tu, moglie di persona con ictus, chieda un supporto psicologico ai servizi territoriali perche’ aiutino tuo marito che ha disturbi di comunicazione e conseguentemente è abbattutto, depresso, demotivato.

Capita che ti procuri la richiesta medica perche’ sei diligente e speranzosa.

Capita che arrivi all’appuntamento e ti si pari davanti un medico che ti dice “Mi spiace signora, noi non offriamo questo servizio perche’ non abbiamo personale. Pero’ se vuole…POSSO DARLE UN FARMACO!”

Share Button

One Response to “Quel che passa il Convento 2”

  • capita che la moglie di un afasico chieda al centro di riabilitazione dove il marito, a pochi giorni dall’ictus, è seguito da una logopedista, chieda un supporto psicologico per poter affrontare la situazione in modo consapevole.La risposta è una serie di test al marito afasico, la cui restituzione viene data solo a lui, senza mai incontrare la moglie.Capita anche che l’afasico venga dimesso da un giorno all’altro, senza avvisare nessun familiare. Nella relazione della psicologa c’è scritto che l’afasico comprende completamente e non necessita più di terapia!Capita ancora che, sono passati due anni e sono due anni che vorrei tornare da questa sedicente psicologa e chiedere conto di un comportamento così poco professionale, verso un afasico grave e verso la famiglia. Non ci sono ancora riuscita. Ma ci penso a volte che vorrei togliermi un sassolino dalla scarpa…..adesso ce la farei, ma due anni fa, no, ero a pezzi. Sì, perchè la moglie sono io, apparentemente forte e combattiva: ma le forze in certi momenti le devi usare per altro e non per difenderti dai sedicenti “terapeuti”, che usurpano tale nome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *