Un film sull’amore di una famiglia di fronte alla demenza

On 15 dicembre 2013


(traduzione italiana del testo del video, by A.T.)


 

Articolo trad. e lib. modificato da A. Tinti

Da quando a Marilyn Greer è stata diagnosticata una demenza frontotemporale, è stato molto difficile per le figlie , Lisa e Sarah Greer, entrambe di Montrose.

Ma ci sono stati anche momenti di luce, e aiuto lungo la strada.

Le sorelle sperano che chi avrà l’occasione di vedere il documentario “H-Town Stories”, che racconta la loro esperienza, vi trovi elementi di speranza e informazioni utili.

“Quando si riceve la diagnosi, si cerca di scoprire tutto su Google”, ha detto Sarah Greer, 26. “Sperimenti molta solitudine se non conosci nessuno che ci sia passato”

“H-Town Stories” è una iniziativa del Neighborhood Centers Inc.,un’agenzia di United Way che si sforza di coinvolgere i residenti per rafforzare la comunità .

“Volevamo un documentario che permettesse alla gente di riconoscere gli eroi che incontrano ogni giorno”, ha detto Stephenie Olguin , direttore dell’agenzia di marketing e comunicazione. “Non è su di noi. Il film racconta il popolo stesso, e le loro storie sono raccontate da loro. Fondamentalmente il documentario mostra perché esistono i centri di quartiere esiste”

Il film è prodotto da MediaStorm , che continuerà a lavorare con i centri di quartiere per produrre una serie di film . Il primo dei documentari, proiettati 18 settembre al Sundance Cinemas – Bayou Place , racconta due storie. “These Bones of Mine” è la storia di fuga straziante di un uomo pakistano a Houston. Mentre “Swan Song” racconta la storia della famiglia Greer.

Nel film , Lisa e Sarah Greer spiegano che loro e la loro mamma sono sempre state vicine. Le persone le chiamano le tre “Ragazze Greer”. A 58 anni , Marilyn Greer è stata diagnosticata la demenza frontotemporale, il risultato del progressivo deterioramento del lobo frontale del cervello. La condizione colpisce la memoria, linguaggio, le emozioni e i comportamenti .

Per un po’ le tre hanno vissuto insieme a Montrose , con le figlie che cercavano di prendersi cura della mamma.

“Era così difficile per Sarah e per me destreggiarci tra il prenderci cura di lei e le nostre vite “, ha detto Lisa Greer , 32 anni, specialista in vini per Whole Foods.

Poiché le sorelle lavorano durante il giorno, si sono appoggiate al centro diurno Sheltering Arms Senior Services, uno dei programmi curati dai cntri di quartiere “, per farsi aiutare nel supporto alla loro mamma.

“Le persone sono così accoglienti “, ha detto Lisa. “Sembravano davvero interessate al suo benessere e alla sua felicità”

Il documento termina con le sorelle che accompagnano la mamma in una casa di cura dopo aver capito che non potevano più prendersi cura di lei. Il cameraman ha lavorato con la famiglia Greer da aprile a giugno. Sarah Greer, un insegnante di sostegno presso Pin Oak Middle School, era soddisfatta di come il film ha raccontato la figura di sua mamma.

“Quando cantava e ballava e rideva, quella era lei “, ha detto Greer.

“Ha bisogno di cure, ma il suo spirito è ancora lì, ed è veramente bello da vedere”

L’uscita di casa e l’ingresso nella casa di riposo sono state difficili, ma Marilyn Greer sta bene”, dice Sarah Greer.

“E’ difficile”, ha detto Sarah Greer. “Perdi un po’ della tua mamma a poco a poco. Stiamo imparando a godere di ogni giorno.”

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *